Le nuove aziende aumentano del 4,6% nel terzo trimestre del 2019

CRIF SA ha analizzato il numero di aziende costituite nel terzo trimestre 2019 e il numero di aziende cancellate. Nel periodo in esame, in Svizzera sono state costituite complessivamente 10‘133 nuove aziende. Ciò corrisponde a un aumento del 4,6 per cento rispetto al terzo trimestre del 2018. Nello stesso periodo, 7’594 aziende sono state cancellate dal Registro di Commercio. Vale a dire il 15,9% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il deciso aumento delle aziende cancellate si riflette anche nella crescita netta delle aziende. Sebbene nel terzo trimestre del 2018 in totale siano state fondate meno aziende rispetto al 2019, nel complesso il 2018 ha registrato una crescita netta di 3'137 aziende. Nel terzo trimestre 2019, invece, è stata registrata una crescita netta di 2'539 aziende, un dato che corrisponde a un calo quasi del 20% rispetto all’anno precedente.

Il maggior numero di nuove registrazioni è stato fatto segnare dai Cantoni di Zurigo (1‘813), Vaud (1’135) e Ginevra (920). Se si confronta il numero delle aziende fondate con i dati relativi al terzo trimestre del 2018, l’aumento maggiore si è avuto nel Canton Vaud con 181 nuove aziende, seguito dal Canton San Gallo con 108 e dal Canton Ticino con 71 nuove aziende. A far loro da contraltare ci sono il Canton Zugo (-58), il Canton Vallese (-40) e Basilea-Campagna (-29), in cui sono state fondate meno aziende rispetto al terzo trimestre del 2018.

Nel terzo trimestre la crescita netta in confronto al numero di aziende sul territorio svizzero si attesta allo 0,4%. La maggiore crescita netta si registra nel Canton Turgovia con lo 0,8%, seguito dai cantoni Zugo e Lucerna, ciascuno con lo 0,7%. Una crescita negativa è stata registrata invece nei cantoni Obvaldo (-0,7%), Glarona (-0,6%), Sciaffusa (-0,2%), oltre che Giura e Ticino, entrambi con -0,1%.

Se si osservano i singoli settori, la consulenza gestionale (814) registra il maggior numero di aperture, seguito dal settore del commercio al dettaglio (714) e da quello edile (690). Per quanto riguarda le aziende cancellate, è il commercio al dettaglio che registra il maggior numero di chiusure (780), seguito dal commercio all’ingrosso (632) e dal settore edile (620).

I settori che hanno fatto registrare la maggiore crescita netta sono il settore della consulenza gestionale (395), il settore immobiliare (315) e quello delle attività dei servizi sanitari (297). Una riduzione del numero di aziende presenti sul territorio è stata registrata invece dal settore del commercio all’ingrosso (-89), dei servizi di ristorazione (-83) e del commercio al dettaglio (-66).

Informazioni sul rilevamento dei dati
Si è tenuto conto di tutte le nuove aziende che sono state iscritte nel Registro di Commercio nel periodo luglio-settembre 2019 e di tutte le aziende che nello stesso periodo sono state cancellate dal Registro di Commercio. Un'azienda può essere cancellata ad esempio per una radiazione d'ufficio, nell'ambito della sospensione della procedura di fallimento, al termine del periodo di liquidazione, in caso di fusioni o di cessazione dell’attività aziendale per mancata successione.

L'analisi completa può essere richiesta all’indirizzo presse.ch@crif.com.